18 aprile 2016

Prima che arrivassi tu, Tania Paxia | Recensione


Buongiorno! Io oggi sarò impegnata tutto il giorno ma ho preparato per voi la recensione di un libro molto carino!
Vi ricordo anche che fino al 30 Aprile potete partecipare al mio giveaway!

Prima che arrivassi tu, Tania Paxia
Titolo originale: Prima che arrivassi tu
Data prima pubblicazione: 2015

Trama: Allegra (Ally) Thomas ha ventun anni, vive a Pisa e ha cambiato tre facoltà diverse in tre anni. È avvilita e senza una prospettiva per il futuro, soprattutto dopo la brusca lite con il padre di origini americane che la vorrebbe laureata in architettura, come lui. Ma Ally ha un sogno: scrivere e tradurre libri.
Le cose si complicano dopo la sua partenza programmata per una vacanza di tre mesi a Brooklyn organizzata dai suoi zii e cugini americani. All'inizio è logorata dai sensi di colpa e perseguitata dagli incubi, ma le basta uno scontro accidentale con un ragazzo, Evan James, sul marciapiede di fronte al ristorante di suo zio, per cambiare tutto, arricchire le sue giornate e passare qualche ora spensierata...a parte la sbornia che riesce a rimediare durante un'uscita con suo cugino e i suoi due amici, tra i quali c'è anche Evan. Ma Evan ha in mente soltanto una donna: Madison. Per questo Ally decide di stringere una promessa solenne con lui per aiutarlo nell'impresa di riconquistare la sua ex fidanzata. Tra equivoci, shopping, bagni in piscina, chiacchierate al buio e baci rubati, Ally cercherà di fare chiarezza su ciò che vuole davvero.

Prima che arrivassi tu è una di quelle letture che io classifico nel gruppo delle letture poco impegnative che mettono di buonumore. Anche se in fondo si sa già dall'inizio come andrà a finire, si rimane comunque incollati alle pagine e ogni tanto non ho potuto evitare di inveire bonariamente contro l'uno o l'altro dei protagonisti.
Romantico e divertente, il punto di forza di Prima che arrivassi tu è costituito secondo me dai personaggi, che mi hanno conquistato praticamente subito...non solo i protagonisti Ally ed Evan, ma anche i personaggi secondari. I parenti americani di Ally poi...adorabili!

Ormai era troppo tardi per rispondergli perchè l'attenzione non era più su di noi, ma sui fuochi d'artificio, che uno dopo l'altro coloravano il cielo di tanti colori. Non ne avevo mai visto di così grandi, dall'ultimo piano di un grattacielo e, soprattutto, con qualcuno che mi stringeva a sé, come se avesse paura di lasciarmi andare o di perdermi. Sapevo che la sua era tutta scena ma per un secondo, un infinitesimo attimo, sperai che non lo fosse.


Unico aspetto che mi ha fatto storcere il naso è stato il finale, precisamente il modo in cui viene risolta la vicenda famigliare e lavorativa di Evan, di cui non posso dirvi di più per evitare uno spoiler mega galattico. Ma chi ha già letto il libro può evidenziare le righe seguenti: insomma, Evan prima fa tutto il figlio disubbidiente della serie "faccio il cameriere e altri mille lavori per protestare contro la mia famiglia straricca abituata ad avere tutto e subito" e tu fai pure il tifo per lui perchè per tutto il libro ti illudi che sia una presa di posizione serie e motivata, che ne so, contro una famiglia oppressiva che pretende di sceglierti lavoro moglie ecc...e poi niente, questo qua ti smonta ritornando come se niente fosse pappa e ciccia con i genitori e accettando senza problemi di lavorare per l'azienda di famiglia (proprio ciò da cui inizialmente era fuggito perchè NON ci voleva lavorare). Cioè, quindi tu, mio caro Evan, sei davvero un rampollo viziato e la tua iniziale scelta di fare mille lavori pur di non lavorare per l'azienda di famiglia come tutti  pretendono era in realtà un capriccio, una ripicca nei confronti della tua famiglia?
Eh boh, mi sono cadute le braccia: un finale che mi ha deluso e lasciato piuttosto perplessa.

A parte questo, vi consiglio questo libro: io l'ho trovata una lettura molto piacevole!


Pro: scene divertenti, personaggi principali, personaggi secondari
Contro: Evan, che mi combini?

VALUTAZIONE 
(3 papaveri e ½)

8 commenti:

  1. Dei libri di Tania ho sempre letto recensioni positive, perciò voglio leggerne qualcuno (quasi tutti per la precisione xD)! Non ricordo se questo l'ho già preso o meno, ma mi incuriosisce molto (nonostante il finale) :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì anch'io sentivo sempre parlare di lei e quindi ho preso questo e anche The Woden's Day. Ahahah la mia polemica sul finale è perchè in realtà sono una precisina :D

      Elimina
  2. Grazie al link party di BBSE ho scoperto il tuo blog :) Mi aggiungo volentieri ai lettori fissi!
    Se vuoi dare un'occhiata al mio angolino lo trovi qui http://bookisallyouneediaia.blogspot.it/
    Buon proseguimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta! Faccio volentieri un salto! :)

      Elimina
  3. Ciao! :) Complimenti per la recensione! :)
    Mi spiace che il finale non ti abbia soddisfatto! :( Però me lo segno comunque :) Ho appena letto un altro libro di Tania (e spero di riuscire a scrivere la recensione molto presto!) quindi sono curiosa di leggere qualcos'altro di suo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Segnatelo, è molto carino! Per il finale..è che io sono pignola :P
      Tengo d'occhio il tuo blog per leggere la recensione, sono curiosa di sapere quale libro hai letto!

      Elimina
  4. Grazie per averlo letto! ^^ Mi dispiace che non ti abbia convinta il finale, ma Evan doveva scendere a compromessi per cercare di tornare con Madison...XD però nel sequel (se riuscirò mai a scriverlo) spiegherò meglio il tutto. ^^ Comunque sono tanto felice che ti sia piaciuto. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello avere le spiegazioni dell'autrice! <3
      Grazie a te per aver commentato! ^_^

      Elimina

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.