8 febbraio 2017

È stato solo un gioco, Kylie Scott | Recensione


Buon pomeriggio lettori!

Oggi vi parlo del secondo libro della serie Stage Dive, o Lick Series nella versione italiana (la recensione del primo volume è QUI), pubblicato in italiano da Newton Compton Editori con il titolo È stato solo un gioco.
Come accaduto per il precedente, io l'ho letto in inglese ma vi lascio le info italiane.
Vi avverto, questa serie dà dipendenza. Una volta iniziata vorrete leggere subito anche gli altri libri. E magari penserete che, siccome vi siete innamorate del personaggio maschile del primo volume, gli altri non potranno assolutamente competere...ma vi sbaglierete. Alla grande.


Titolo: È stato solo un gioco (tit. orig.: Play)
Autore: Kylie Scott
Anno prima pubblicazione: 2014
Edizione Italiana:  Newton Compton, 2015
Serie: Stage Dive/The Lick Series #2
Pagine: 275

Trama: Mal Ericson, batterista di un famoso gruppo rock emergente, ha bisogno di ripulire la sua immagine in fretta e farsi vedere con una brava ragazza potrebbe servire allo scopo. Sia chiaro: Mal non ha alcuna intenzione di rendere questo cambiamento permanente. Che cosa succede, però, se la ragazza che incontra è proprio quella giusta? Anne Rollins non avrebbe mai pensato di incontrare il dio del rock i cui poster ricoprivano le pareti della sua camera da letto quando era una ragazzina. Almeno non in circostanze del genere. E poi Anne ha bisogno di soldi. Molti soldi. Ma giocare a far finta di essere la fidanzata di un batterista dalla vita sregolata, che passa da una festa all’altra, potrebbe non portarle nulla di buono.

  Lettura in lingua originale

Sooo...È stato solo un gioco vede come protagonisti Mal, il batterista della band Stage Dive, e Anne, una giovane che lavora in una libreria e che suo malgrado verrà catapultata nel mondo della band. Cronologicamente si colloca quasi subito dopo la fine del primo libro, Tutto in una sola notte.

Come il primo volume della serie, anche questo inizia in modo piuttosto insolito: Anne torna a casa dopo una giornata di lavoro e scopre che la sua coinquilina se n'è andata senza dire niente...portandosi dietro parecchi mobili e lasciandola finanziariamente in difficoltà. Per distrarsi accetta l'invito ad una festa della band Stage Dive, di cui casualmente è una grande fan (soprattutto del batterista).

Mal è sicuramente il più scanzonato e divertente tra i quattro componenti della band. Le sue trovate e le sue battute sono spesso così assurde che non possono non far ridere, e mi sono trovata di fronte ad una specie di ottovolante umano, pieno di energia e costantemente in movimento. Esuberante e capace di prendere sempre le cose sul ridere (e di ignorare i problemi sperando, forse, che passino da soli). Anne sembra invece essere quasi il contrario: calma e controllata (di solito), ha in realtà alle spalle un'adolescenza difficile in cui si è dovuta presto far carico della madre e della sorella minore.
Mal e Anne sono una di quelle coppie letterarie su cui, ad un primo sguardo, non avrei scommesso un centesimo e che invece funzionano perchè in qualche modo si completano ed il carattere di uno mitiga e migliora quello dell'altro.


Devo ammettere però che il primo approccio con il Mal di questo libro mi ha lasciato piuttosto perplessa perchè, non so, non me l'aspettavo così; avendolo visto anche nel libro precedente mi ero fatta una certa idea che inizialmente non combaciava. Leggendo oltre però si capisce che c'è un motivo dietro alcuni strani comportamenti, però comunque l'impressione stonata un po' è rimasta. Oltre a ciò, pur avendo riso in vari passaggi, spesso mi è sembrato forzatamente infantile ed esagerato in alcuni atteggiamenti.

È stato solo un gioco è finora (considerate che nel frattempo ho letto anche il romanzo successivo) il libro di questa serie che mi è piaciuto meno, probabilmente perchè in fondo ho un debole per i protagonisti tormentati.
Preferenze personali a parte, anche stavolta Kylie Scott non mi ha deluso con un libro che è un mix di divertimento, romanticismo e scene sexy.


Per quanto riguarda la lettura in lingua originale, valgono le stesse indicazioni che avevo dato per il primo libro della serie.
 

Livello semplice. Di tanto in tanto ci sono alcuni modi di dire che possono essere difficili da tradurre ma, anche in quei casi, si capisce sempre il senso della frase.


Prodivertente e romantico
Contro: personaggio maschile un po' troppo esagerato per i miei gusti

* PUNTEGGIO *
7,4/10

 (punteggio minimo: 5 - punteggio massimo: 10)



2 commenti:

  1. Ho sempre snobbato questa serie (ehm, per le copertine) però mi hai incuriosita troppo XD credo che leggerò un estratto su amazon per farmi un'idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah ti capisco, se avessi dato retta alle copertine non avrei mai aperto uno di questi libri. :D Leggi e poi dimmi che ti sembra!!

      Elimina

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.