15 marzo 2017

L'ombra del silenzio, Kate Morton | Recensione


Devo iniziare questo post con una confessione: io Kate Morton non l'avevo mai sentita nominare fino a qualche mese fa.
Detto questo, è sempre scoprire nuovi autori e uscire dalla propria confort zone: in questo caso, la Morton non è entrata nella cerchia delle mie scrittrici preferite ma ho trovato questo suo libro ben scritto e in generale piacevole.
Finita la recensione. Scherzo...se volete i dettagli continuate a leggere!


Titolo: L'ombra del Silenzio (tit. orig.: The Secret Keeper)
Autore: Kate Morton
Anno prima pubblicazione: 2012
Edizione Italiana:  Sperling & Kupfer, 2013
Pagine: 548

Trama: 1961 In un caldo giorno d'estate, mentre la famiglia festeggia nella bella dimora nel Suffolk, la sedicenne Laurel si rifugia nella casa sull'albero della sua infanzia e sogna: del ragazzo che le piace, di trasferirsi a Londra, di cogliere al più presto il futuro brillante che - ne è certa - la sta aspettando. Ma prima che quel pomeriggio idilliaco finisca assiste a un terribile crimine... 2011. Laurel ce l'ha fatta, è un'attrice famosa. Ma un'altra festa la riporta in quella stessa casa nel Suffolk e scatena ricordi, rimorsi e rivelazioni assolutamente impensabili. Perché nessuno poteva immaginare che tanti anni prima l'incontro di un uomo e due donne, nella Londra semidistrutta dai bombardamenti, avrebbe segnato tragicamente i loro destini. E quello di Laurel.


* le voci relative all'edizione italiana e al numero di pagine si riferiscono alla versione che ho letto.

Nel 1961 la sedicenne Laurel assiste ad un tremendo crimine. 50 anni dopo Laurel decide finalmente di far luce sull'accaduto e sul misterioso passato della madre Dorothy, ormai in fin di vita.

L'ombra del silenzio è un libro che si dispiega attraverso numerosi flashback e differenti punti di vista, che aiutano a ricostruire il mistero al centro del libro e aggiungono nuovi particolari e prospettive. Il collante di tutte queste istanze è la Laurel del 2011 che, assistendo agli ultimi giorni di vita della madre, sente il bisogno di ricostrurne il passato, prima che si sposasse e diventasse madre.
Dopo un prologo che cattura il lettore, la narrazione si perde un po' nei capitoli successivi, che presentano parti meno scorrevoli: ho fatto un pochino di fatica ad entrare nel pieno della storia ma, da un certo punto in poi, sono rimasta coinvolta nelle varie vicende. Considerato che il libro ha più di 500 pagine e l'ho letto in un paio di giorni, si può dire che si legge senza problemi e non risulta pesante.

Per quanto riguarda i personaggi, i principali e i più riusciti sono sicuramente quelli appartenenti ai flashback, ambientati nel 1941, in una Londra devastata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale: Dorothy, Vivien e Jimmy. Laurel, invece, pur essendo anch'essa uno dei personaggi principali, non emerge particolarmente dalle pagine del romanzo.
Le ambientazioni principali sono due: Greenacres e la Londra del 1941. Quest'ultima è quella che mi è parsa meno convincente, un mero sfondo alle vicende dei personaggi: non mi ha trasmesso granchè, nonostante si noti chiaramente una certa cura da parte dell'autrice nel descriverla.
Paradossalmente, tra le ambientazioni quella che spicca maggiormente è una che conosciamo solo per poche pagine, nel breve pezzo che racconta l'infanzia di Vivien in Australia.
Ecco, non so se sono solo io, ma lì ho veramente colto l'atmosfera, i suoni e i colori dei luoghi descritti e si percepisce chiaramente che l'autrice parla di qualcosa di sentito e più vicino a lei (la Morton è nata e vive in Australia).

In conclusione, L'ombra del silenzio è un romanzo coinvolge discretamente e che soffre di qualche pecca, ma a cui si perdona tutto dopo aver letto il finale. Amo i finali che sanno stupire e questo di certo lo è.



Prostoria mistery che funziona, finale che lascia a bocca aperta
Contro: alcune parti un po' noiose e lente

* PUNTEGGIO *
8,6/10

 (punteggio minimo: 5 - punteggio massimo: 10)



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.