30 giugno 2017

Winter, Marissa Meyer | Review Party

Buongiorno lettori!
Il gran giorno è arrivato!! Sono entusiasta di partecipare insieme a tanti altri blog al Review Party di Winter (uscito il 20 di questo mese), con questo banner stupendo realizzato da Vanessa de I libri sono un antidoto alla tristezza.


Eh sì, siamo arrivati alla fine delle Cronache Lunari ed è un finale decisamente col botto!
Mi consolo pensando che ci sono ancora le novelle e spero che la Mondadori porterà da noi anche quelle. A questo proposito, potete unirvi al nostro desiderio con l'hashtag #novelleinItalia!


Titolo: Winter
Autore: Marissa Meyer 
Anno prima pubblicazione: 2015 
Edizione italiana: Mondadori, 2017 
Serie: Cronache Lunari #4 
Genere: retelling, fantascienza
Pagine: 655 







Trama
La giovane principessa Winter è molto amata dal suo popolo per la sua grazia e la sua gentilezza. E, nonostante le cicatrici che ne deturpano il volto, è considerata uno splendore dai Lunari, anche più della regina Levana, la sua matrigna. Winter, poi, disprezza la sovrana con tutta se stessa, anche perché sa che la donna non approverà mai i suoi sentimenti per il bel Jacin, amico d'infanzia nonché guardia del palazzo. Ma Winter non è la fragile creatura che Levana pensa che sia. Infatti, la ragazza ha l'occasione di privarla del suo potere. E ora, grazie all'aiuto della cyborg Cinder e delle sue alleate, le viene offerta la possibilità concreta di dare inizio a una rivoluzione che rovesci la sovrana e ponga fine così alla guerra che infuria ormai da tanti, troppi anni. Riusciranno Cinder, Scarlet, Cress e Winter a sconfiggere Levana e a trovare ognuna il proprio lieto fine? In questo ultimo volume delle "Cronache lunari", Marissa Meyer costruisce un finale mozzafiato che di certo non deluderà i tanti fan della serie.

In quest'ultimo libro si aggiungono al gruppo dei personaggi principali la principessa lunare Winter e la guardia reale Jacin Clay, già comparsi in diverse scene del precedente romanzo.
(fonte)
Il personaggio di Winter è ispirato a quello di Biancaneve ma, come ha fatto per tutti gli altri, la Meyer la trasporta nel suo universo universo futuristico, dandole un'identità tutta sua.
Dalla fiaba classica vengono ripresi alcuni aspetti, come l'identificazione in Levana della regina cattiva, invidiosa della bellezza di Winter e del fatto che sia amata dal popolo, ma anche la celeberrima scena della mela. Tra l'altro, quest'ultima è una delle pochissime cose che mi piace della fiaba di Biancaneve, quindi sono stata felicissima di ritrovarla anche nel romanzo di Marissa Meyer.
I più lampanti elementi di novità, invece, riguardano l'aspetto fisico e il fatto che Winter sia un po' pazzerella: a causa del suo rifiuto di utilizzare il fascino lunare soffre infatti di gravi allucinazioni.

Nella fretta era passata davanti alla vecchietta senza notarla. Era una donnina anziana e dalla schiena curva, ma con un'espressione vivace. Aveva una cesta piena di ramoscelli e di scaglie di corteccia che aveva raccolto nel bosco.

Ora che ho letto tutti i libri principali posso dire che tutta la serie è dominata da figure femminili straordinarie: tutte loro, in un modo o nell'altro, sono imperfette e caratterizzate da "difetti" visibili, ma sono anche forti e determinate. Anzi, quelle che possono essere le loro mancanze diventano in realtà i loro punti di forza e ne fanno emergere il coraggio, il senso di giustizia e di lealtà.
Non me ne volete, anche i personaggi maschili sono fantastici e altrettanto ben caratterizzati, ma le vere protagoniste sono loro. Senza dimenticare Iko, strepitosa!
Visto che stiamo parlando dei personaggi, due parole su Jacin e Levana.
Jacin è probabilmente quanto di più lontano ci sia dalla figura del principe senza macchia e, come da sua stessa ammissione, l'unica cosa di cui gli importi è Winter.
Levana è un'altra figura femminile straordinaria di questi libri, ma all'inverso di Cinder e amiche. È una cattiva di quelle che si odiano davvero perché capace di cose inaudite, ma al tempo stesso ho provato, in certe occasioni, una po' di pietà nei suoi confronti. Levana mi ha intrigato e incuriosito molto, da subito, e sono stata contenta di scoprire qualcosa in più della sua storia in Winter.

«Non è opportuno per una principessa di diciassette anni ritrovarsi da sola in compagnia di giovanotti dalle dubbie intenzioni.»
Winter sorrise. «E se i giovanotti in questione la conoscono da quando lei sapeva camminare?»
Lui scosse la testa. «Quelli sono i peggiori.»

Per quanto riguarda l'ambientazione, vi svelo solo che finalmente si va sulla Luna!

La trama in sé è meravigliosa e orchestrata alla perfezione. Ci sono tantissimi colpi di scena; la Meyer in generale è una che non ha paura di maltrattare i suoi protagonisti e questo è uno dei motivi per i quali si sta letteralmente col fiato sospeso in numerose scene, temendo per la vita di questo o di quel personaggio.
Winter è un libro in cui succedono tante cose, in cui tutti i nodi vengono al pettine. Ed è il romanzo della serie in cui, secondo me, si vede maggiormente la bravura dell'autrice. Per gran parte del libro, infatti, i personaggi sono divisi: le varie scene si alternano in modo chiarissimo, rimanendo però strettamente legate le une alle altre. L'attenzione non viene mai meno ed ogni vicenda risulta interessante e coinvolgente.
Io rimango sempre estasiata quando qualcuno riesce a costruire un racconto così complesso a livello di personaggi da seguire, storyline, livelli spaziali differenti in modo perfetto. 

Le uniche note dolenti riguardano, a mio avviso, la traduzione italiana. Ovviamente parlo da non esperta ma, un esempio su tutti, perchè il potere tipico dei Lunari qui è diventato "magnetismo", quando in tutti gli altri libri è chiamato "fascino"?


 VALUTAZIONE
Un finale meraviglioso per una serie a cui è difficile trovare dei difetti.

* PUNTEGGIO *
9,7/10

 (punteggio minimo: 5 - punteggio massimo: 10)

Blog partecipanti:



16 commenti:

  1. Le traduzioni! Perché stravolgono sempre tutto? Comunque rimane una serie meravigliosa.

    RispondiElimina
  2. La Meyer non ha paura a maltrattare i suoi protagonisti..proprio vero..gliene fa passare di tutti i colori!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono stati momenti in cui ho davvero avuto paura che mi ammazzasse qualcuno dei personaggi principali!

      Elimina
  3. Adoro le citazioni che hai inserito! *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo l'imbarazzo della scelta per le citazioni, praticamente ho segnato tutto il libro! ^_^

      Elimina
  4. Credo che la favola di biancaneve sia stata ripresa in modo superbo, come sempre ovviamente. Ci sono tutti gli elementi principali e rimandi continui, la mela, il cacciatore e la finta morte, la teca di vetro ecc ma sempre resi originali, fusi nella storia perfettamente. Che dire, un genio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ha fatto un lavoro stupendo con tutti i personaggi! <3

      Elimina
  5. Ciao! :) il banner è davvero bello! *_*
    Io sono ferma da secoli al secondo libro di questa serie, ma spero di riuscire a proseguirla presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, vorrei saperli fare anch'io così!
      Anche io ero ferma da tantissimo al secondo perchè non avevo potuto acquistare subito Cress e poi, come succede sempre, si sono messi di mezzo altri libri da leggere. ^_^ Però mi sto impegnando nel terminare le serie iniziate!

      Elimina
  6. Ho amato anche io il fatto che le protagoniste siano tutte dei personaggi forti e capaci di cavarsela da sole ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una delle cose migliori del libro! :)

      Elimina
  7. Ho amato questa versione delle principesse! Sono super toste! Adoro!

    RispondiElimina

Lascia un commento e mi farai felice. :) Non si accettano insulti, offese varie e spam.